default_mobilelogo
default_mobilesplash
Warning: Undefined property: Joomla\CMS\Categories\CategoryNode::$catid in /customers/7/0/1/alexrowbotham.com/httpd.www/fantadia/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 171 Warning: Undefined property: Joomla\CMS\Categories\CategoryNode::$link in /customers/7/0/1/alexrowbotham.com/httpd.www/fantadia/plugins/content/facebooklikeandshare/facebooklikeandshare.php on line 255

Teatro Duse: Sabato 09 settembre ore 21:00
Ingresso 8,00 euro


 

Poligono Mediorentale - Francesco Cito e Luciano Laghi Benelli (ITA)

Sono trascorsi molti anni da quando mossi i primi passi verso quel mondo mediorientale occupato dai sovietici, che mi ha visto percorrere sentieri e montagne, fiumi e deserti dell’Afghanistan.
Clandestino e accompagnato da una ciurma, termine abusato per definire i miei compagni di viaggio, essi soldataglia alla macchia, amavano definirsi combattenti per la libertà. Sarebbero diventati nel tempo, i miei combattenti d’Oriente, non solo dell’Afghanistan. Da quella prima esperienza, tante si sono susseguite, in quell’aria del Medio Oriente, attraversando poi il conflitto della lunga guerra civile libanese, all’intifada Palestinese, fino alla Guerra del Golfo.
Da queste esperienze da me raccontante, nasce così “Il Poligono Mediorientale” definizione appropriata, per quell’aria geografica, la quale diventa, e oggi se ne vedono le conseguenze più tragiche, il bersaglio nel gioco della guerra. Le grandi potenze occidentali, soprattutto gli Stati Uniti e i suoi alleati, i regimi arabi doppiogiochisti, sono i fautori di una destabilizzazione in quella parte del mondo che di conseguenza si ripercuote anche da noi. Se da un lato i ricchi paesi del Golfo Persico che con il petrolio hanno fatto le loro fortune, sono anche i maggior sponsor di tutte le organizzazioni islamiche terroristiche. Al Qaeda prima, ISIS poi.
Ci sarà mai fine a questa tragedia? (Francesco Cito)

L’approdo - Flavia Bozzini (ITA)

Una favola illustrata ci aiuta a comprendere che nel mondo possono non esistere muri o frontiere... e che ogni gesto di accoglienza può essere un seme che prima o poi darà i propri frutti...

La Dea Alaph - Andrea Pivari e Giorgio Cividal (ITA)

La leggenda narra che un tempo la dea Alaph, per la morte misteriosa e inspiegabile del figlio, tramutò la vita dell'uomo in spine immobili, maledì il suo individualismo e alla vita del mare dette la forza della vita collettiva. La Baja California è il paese dove alla vita pressoché immobile sulla terra, si contrappone quella frenetica del fondo del mare.

E di colori io ti coprirò - Claudio Tuti (ITA)

Giochi di sguardi, colpi di bastone, spruzzi e nuvole di colore: in questo modo Krishna aveva incontrato la sua amata Radha; in questo modo ancora oggi, durante la festa indù del Lath mar Holi, gli innamorati si guardano, si rincorrono, si coprono di colori.

30 Years After, Chernobyl - Janis Brod

Un breve viaggio verso la zona interdetta di Chernobyl.

Un giorno ancora - Domenico Drago e Francesco Lopergolo (ITA)

 "Volevo fuggire dall’esistenza, dagli uomini per raccogliere stelle danzanti e spremere dolcezza; mi rifugiai così tra le onde per donare alla schiuma il mio cuore divenuto polverso." (D.D.)

Journeys - Todd Gipstein (USA)

Negli ultimi anni ho viaggiato molto in giro per il mondo. Questo lavoro raccoglie alcune delle mie preferite immagini scattate dei luoghi affascinanti, delle persone, della natura che ho incontrato. E' un viaggio attraverso la mente, l'occhio e il cuore di un fotografo.